Enable Css
HOME ► valori

Immaginiamo gli spazi come “ contenitori narrativi”

La luce ne è chiave di lettura, interpretazione, suggestione.

I luoghi in cui viviamo ci appartengono, raccontano chi siamo, le nostre aspirazioni. La filosofia Martinelli Luce non vuole essere solo un approccio distaccato, tecnico o ingegneristico allo studio della luce, ma soprattutto un’interpretazione personale, visionaria, narrativa. Quest’ attitudine che lega le tre generazioni che si sono succedute alla guida dell’azienda, è l’eredità (culturale) più preziosa che ci ha trasferito Elio Martinelli, padre e fondatore del brand Martinelli Luce.

La luce ne è chiave di lettura, interpretazione, suggestione.

I luoghi in cui viviamo ci appartengono, raccontano chi siamo, le nostre aspirazioni. La filosofia Martinelli Luce non vuole essere solo un approccio distaccato, tecnico o ingegneristico allo studio della luce, ma soprattutto un’interpretazione personale, visionaria, narrativa. Quest’ attitudine che lega le tre generazioni che si sono succedute alla guida dell’azienda, è l’eredità (culturale) più preziosa che ci ha trasferito Elio Martinelli, padre e fondatore del brand Martinelli Luce.

Innovazione, essenzialità, un diverso punto di vista.

Da quando Martinelli Luce ha preso vita, ci siamo sempre ispirati a pochi e fondamentali valori. Grazie all’ innovazione raccontiamo la passione verso il nostro lavoro, che passa necessariamente per la spinta al cambiamento, a non accontentarsi, a veder con angolazioni sempre differenti ciò che ai più appare come un punto fermo, una sicurezza.

Crediamo nell’essenziale, che per noi vuol dire niente fronzoli o inutili orpelli; le linee che disegniamo e che danno forma e contorno ai nostri prodotti, sono allo stesso tempo il minimo e il massimo. Non è semplicemente questione di design: è concept progettuale e filosofia produttiva.

Vogliamo Stimolare nuovi punti di vista ispirando attraverso i nostri prodotti la curiosità e la creatività delle persone; siano esse ingegneri, architetti, dealer o più semplicemente privati.
Far si che possano vedere con occhi nuovi ciò che quotidianamente gli appare come ordinario.

Attraverso questi semplici e per noi inestimabili valori riusciamo a rimanere fedeli alla cultura creativa che pervade ogni nostro progetto o prodotto.  

Storia

Natura e geometria come fonti ispiratrici

Possiamo raccontare la storia di Martinelli Luce, che nasce nel 1950, in un periodo di pieno fermento creativo e costruttivo; il periodo, quello del dopoguerra, dove nelle case degli italiani  mancavano tanti oggetti ed era quasi una mission dei designer dell’epoca, progettare e costruire oggetti di design esteticamente gradevoli e funzionali.
In questo contesto Elio Martinelli riuscì a distinguersi per un approccio progettuale che univa il rispetto per le geometrie rigorose ed essenziali, al rispetto per la natura, da dove attingeva per linee e forme di sorprendente originalità.

Storia

Natura e geometria come fonti ispiratrici

Possiamo raccontare la storia di Martinelli Luce, che nasce nel 1950, in un periodo di pieno fermento creativo e costruttivo; il periodo, quello del dopoguerra, dove nelle case degli italiani  mancavano tanti oggetti ed era quasi una mission dei designer dell’epoca, progettare e costruire oggetti di design esteticamente gradevoli e funzionali.
In questo contesto Elio Martinelli riuscì a distinguersi per un approccio progettuale che univa il rispetto per le geometrie rigorose ed essenziali, al rispetto per la natura, da dove attingeva per linee e forme di sorprendente originalità.

Storia

Designer

L'arte della progettazione

Gae Aulenti, Sergio Asti, Richard Neutra, Studio Orlandini, Marc Sadler, Luc Ramael, Studio Lucchi & Biserni, Angelo Micheli, Karim Rashid, Massimo Farinatti, Paola Navone, Alfonso Femia e negli ultimi anni dei giovani talenti come Brian Sironi, Marco De Santi – Studio Natural, Studio 4P1B, Studio Habits, Adolini+Simonini Associati e tanti altri.

Designer

L'arte della progettazione

Gae Aulenti, Sergio Asti, Richard Neutra, Studio Orlandini, Marc Sadler, Luc Ramael, Studio Lucchi & Biserni, Angelo Micheli, Karim Rashid, Massimo Farinatti, Paola Navone, Alfonso Femia e negli ultimi anni dei giovani talenti come Brian Sironi, Marco De Santi – Studio Natural, Studio 4P1B, Studio Habits, Adolini+Simonini Associati e tanti altri.

Designer

Premi

I riconoscimenti internazionali incontrano uno stile unico.

Un brand per essere annoverato fra quelli che hanno scritto la storia del design, ha bisogno di alcuni elementi. Un tratto stilistico unico e indiscutibile; quello stile che non solo rende felici e appassionate le persone, ma che le porta anche a visitare i musei di tutto il mondo. Prodotti come la lampada Cobra di Elio Martinelli o la Ruspa e il Pipistrello di Gae Aulenti sono stati o tuttora sono presenti in musei di interesse mondiale fra cui citiamo, su tutti, il MoMa di New York e la Triennale di Milano.Un altro elemento è la quantità di riconoscimenti ottenuti nel corso degli anni, assegnati da autorevoli organizzazioni di livello internazionale.

Premi

I riconoscimenti internazionali incontrano uno stile unico.

Un brand per essere annoverato fra quelli che hanno scritto la storia del design, ha bisogno di alcuni elementi. Un tratto stilistico unico e indiscutibile; quello stile che non solo rende felici e appassionate le persone, ma che le porta anche a visitare i musei di tutto il mondo. Prodotti come la lampada Cobra di Elio Martinelli o la Ruspa e il Pipistrello di Gae Aulenti sono stati o tuttora sono presenti in musei di interesse mondiale fra cui citiamo, su tutti, il MoMa di New York e la Triennale di Milano.Un altro elemento è la quantità di riconoscimenti ottenuti nel corso degli anni, assegnati da autorevoli organizzazioni di livello internazionale.

Premi

Emiliana Martinelli e Marco Ghilarducci

Emiliana Martinelli che dirige l’azienda da molti anni, affiancata dal figlio Marco, prosegue nell’attività di progettazione ispirandosi agli stessi principi del padre, introducendo però nuovi elementi formali e tecnologici che fanno conservare alla Martinelli Luce una posizione significativa tra le industrie del settore.

Emiliana Martinelli che dirige l’azienda da molti anni, affiancata dal figlio Marco, prosegue nell’attività di progettazione ispirandosi agli stessi principi del padre, introducendo però nuovi elementi formali e tecnologici che fanno conservare alla Martinelli Luce una posizione significativa tra le industrie del settore.